La cloud economy ovvero Microsoft Azure Stack

News dal Mondo IT

Microsoft Azure Stack: passaporto per la cloud economy

Già nel 2021, Microsoft ha rilasciato Azure Extended Network ovvero, una formula di connessione al cloud, che consente con qualche accorgimento di replicare in Azure una singola sottorete on premises che comprenda al massimo 250 server. La banda passante complessiva di Extended Network è di 700 Mbit al secondo, sufficienti per implementare in cloud diverse applicazioni e soprattutto per creare una maggiore consapevolezza sulle potenzialità di una strategia cloud che non si limiti puramente all’Infrastructure as a service.

Dunque, Microsoft sta concretamente realizzando un approccio pratico e universale che consente di estendere il cloud dal centro verso la periferia.

Questa nuova formula nasce da un protocollo di rete sviluppato anni fa in seno al braccio ingegneristico di Internet cioè l’IETF.

Grazie a quell’intuizione, Microsoft ha realizzato delle procedure che facilitano la migrazione rapida delle proprie applicazioni sul cloud pubblico Azure.

Come affrontato nel Webinar Tecnologie Microsoft ed incentivi PNRR per l’innovazione digitale (svoltosi live il 13 aprile scorso) grazie agli incentivi previsti dal PNRR diventa ancora più conveniente per le piccole e medie imprese, portare il cloud di Microsoft sotto le proprie scrivanie, o nella fabbrica.

Vediamo nel dettaglio com’è possibile armonizzare la cloud economy nelle PMI.

La premessa

Innanzitutto, partendo da un software chiamato “hypervisor” che consentiva di creare una o più macchine virtuali indipendenti con un solo server fisico, era possibile spostare le applicazioni installate on premises verso un data center di macchine virtuali. Fin qui, un’operazione vissuta senza particolari traumi. Condizione necessari: ricostruire sulle macchine virtuali la stessa sottorete implementata sui server fisici. Immaginiamo un cavo capace di spostare il server della rete locale in un punto lontano dall’ufficio. 

Verso il Cloud

Slegandosi dal server fisico, la soluzione realizzata per il Cloud, dagli architetti di Microsoft Azure si rifà a un protocollo chiamato LISP, location identifier and separation protocol, che funziona come una doppia carta di identità. Per il LISP un server è identificato dal suo numero IP e da un secondo indirizzo che rappresenta la sua precisa collocazione nella rete. L’idea era stata studiata per ottimizzare l’uso degli indirizzi IPv4 in un momento in cui l’IETF stava definendo l’IPv6.

Il percorso ha avuto inizio dallo storage, con una famiglia di array di memoria di massa chiamata Microsoft StorSimple. La soluzione permette di disporre in azienda di una quantità di storage configurabile a piacere grazie a un approccio ibrido. La memoria di massa NAS (network attached storage) è disponibile in modalità cloud: le applicazioni non devono preoccuparsi se la capacità di memoria risiede on premises o viene “estesa” in modo del tutto trasparente su Microsoft Azure.

Dopo StoreSimple viene sviluppato una intera famiglia di soluzioni, Microsoft Azure Stack. Azure Stack Hub consente di creare una architettura di cloud ibrido direttamente in Microsoft Azure, utilizzando server che possono ospitare le applicazioni on premises. L’ubiquità del cloud aumenta, ma la soglia di accesso è ancora piuttosto elevata dal punto di vista della PMI.

Una soluzione accessibile

Precedentemente, il costo per attivare una soluzione di questo tipo risultava proibitivo per le PMI. Ora Microsoft permette di estendere il cloud   a quelle realtà che dispongono di server residenti nelle aziende in una soluzione di budget accessibile. La rivoluzione arriva con Azure Stack Hyper-Convergent Infrastructure (HCI). Grazie alla collaborazione dei partner e degli hardware vendor, i prezzi del cloud ibrido di Microsoft cominciano a farsi decisamente interessanti. La configurazione più economica basata su un server a “doppia lama” parte da meno di duemila euro per un ambiente di edge computing particolarmente indicato per le aziende manifatturiere.

Configura la tua ripartenza

Più nel dettaglio, per portare la fabbrica nella cloud economy con Azure Stack HCI, per esempio, è possibile configurare una infrastruttura cloud in fabbrica e realizzare, con l’aiuto dei partner Microsoft, soluzioni IOT, sistemi MES, applicazioni per la manutenzione predittiva e così via. Integrandosi perfettamente con ambienti ERP che risiedono su Azure, soprattutto con la piattaforma Microsoft Dynamics Business Central  .

scopri le vantaggiose opportunità per passare da Navision a 365 Business Central

Richiedi Informazioni

Sei interessato a questo prodotto? Compila il seguente form:
Oggetto della richiesta
Richiedi informazioni su: La cloud economy ovvero Microsoft Azure Stack

A tutela della tua privacy, secondo quanto stabilito dal Regolamento (UE) 2016/679 ed in adempimento alle disposizioni del D.Lgs. 196/2003, Soluzioni EDP® S.r.l. ti garantisce che i dati personali raccolti in questo form verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alle richieste di informazioni indicate nel campo 'messaggio' o 'oggetto della richiesta' del seguente modulo.
Dati Personali raccolti: cognome, email, nome, numero di telefono e ragione sociale.
I tuoi dati non verranno in alcun modo ceduti a terzi per finalità di marketing slegate dalle attività di Soluzioni Edp.

Per comunicare con te potremmo, per l'invio di email, avvalerci della piattaforma Mailup che, attraverso sistemi di tracciamento statistico, consente di rilevare l'apertura di un messaggio, i click effettuati sui collegamenti ipertestuali contenuti all'interno dell'email, da quale indirizzo IP o con quale tipo di browser viene aperta l'email, e altri dettagli simili. La raccolta di tali dati è funzionale all'utilizzo della piattaforma e costituisce parte integrante delle funzionalità del sistema di invio dei messaggi.

I tuoi dati verranno conservati per il tempo strettamente necessario ad adempiere alla richiesta contenuta nel form.
I tuoi dati saranno conservati per tutto il tempo necessario all'adempimento della richiesta in territorio Europeo e protetti secondo il Regolamento (UE) 2016/679.
I tuoi dati saranno protetti con tutti i migliori ed attuali sistemi di protezione.

Soluzioni EDP® S.r.l. adotta le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
I tuoi dati saranno trattati presso la sede operativa di Soluzioni EDP® S.r.l. in Viale Garibaldi, 51 Vercelli (Italia). Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate.
Tu hai il diritto, in qualunque momento, di chiedere la modifica o la cancellazione totale (diritto all'oblio) dei tuoi dati personali in possesso di Soluzioni EDP® S.r.l.: basta una mail a privacy@soluzioniedp.it o contattandoci in altro modo.
Per conoscere nel dettaglio le politiche di privacy e di protezione dei dati personali degli utenti del sito, fermo restando quanto sopra scritto, puoi cliccare qui