Nuova Sabatini: riapre lo sportello per il sostegno al credito PMI

Novità
thumb_ARTICOLO-nuovasabatini2__1548862886.jpg

La sua riapertura era sicuramente auspicata dai più, finalmente è arrivata la conferma. La misura sostiene gli investimenti delle PMI per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware,

Riaprirà il 7 febbraio lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi della nuova Sabatini. Lo prevede l’articolo 1 comma 200 della legge 30 dicembre 2018 n. 145, con lo stanziamento di nuove risorse finanziarie pari a 480 milioni di euro.

I contributi sono concessi secondo le modalità fissate nel decreto interministeriale 25 gennaio 2016 e nella circolare direttoriale 15 febbraio 2017, n. 14036. SCOPRI DI PIU'

Il decreto è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

A fronte del nuovo stanziamento di risorse finanziarie, con il decreto direttoriale n. 1337 del 28 gennaio 2019, è disposto altresì l’accoglimento delle prenotazioni pervenute nel mese di dicembre 2018 e non soddisfatte per insufficienza delle risorse disponibili.

L’accoglimento delle prenotazioni non richiede un ulteriore invio da parte delle banche. Inoltre, le domande inviate dalle imprese alle banche/intermediari finanziari entro il 4 dicembre 2018 possono essere oggetto di prenotazione da parte dei medesimi istituti a partire dal 1° febbraio 2019.

Cos’è?

La misura Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese

La misura sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali

A chi si rivolge

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI) che alla data di presentazione della domanda:

  • sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese o nel Registro delle imprese di pesca
  • sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali
  • non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea
  • non si trovano in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà
  • hanno sede in uno Stato Membro purché provvedano all’apertura di una sede operativa in Italia entro il termine previsto per l’ultimazione dell’investimento

Settori ammessi

Sono ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione dei seguenti:

  • attività finanziarie e assicurative
  • attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione

Cosa finanzia

I beni devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali per “impianti e macchinari”, “attrezzature industriali e commerciali” e “altri beni” ovvero spese classificabili nell’attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4 dell’articolo 2424 del codice civile, come declamati nel principio contabile n.16 dell’OIC (Organismo italiano di contabilità),nonché a software e tecnologie digitali. Non sono in ogni caso ammissibili le spese relative a terreni e fabbricati, relative a beni usati o rigenerati, nonché riferibili a “immobilizzazioni in corso e acconti”

Gli investimenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • autonomia funzionale dei beni, non essendo ammesso il finanziamento di componenti o parti di macchinari che non soddisfano tale requisito
  • correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa

Le agevolazioni

Consistono nella concessione da parte di banche e intermediari finanziari, aderenti all’Addendum alla convenzione tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Associazione Bancaria Italiana e Cassa depositi e prestiti S.p.A., di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese per sostenere gli investimenti previsti dalla misura, nonché di un contributo da parte del Ministero dello sviluppo economico rapportato agli interessi sui predetti finanziamenti

L’investimento può essere interamente coperto dal finanziamento bancario (o leasing)

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

  • di durata non superiore a 5 anni
  • di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro
  • interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili

Il contributo del Ministero dello sviluppo economico è un contributo il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

2,75% per gli investimenti ordinari

3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”)

I beni materiali e immateriali rientranti tra gli investimenti cosidetti “Industria 4.0” che possono beneficiare del contributo maggiorato del 30% previsto dalla legge 232 dell’11 dicembre 2016 (legge di bilancio 2017),sono individuati all’interno degli allegati 6/A e 6/B alla circolare 15 febbraio 2017 n.14036 e s.s.mm.ii. Alla luce delle novità introdotte dall’articolo 1, comma 32, legge 27 dicembre 2017 n. 205 (legge di bilancio 2018),con circolare n. 269210 del 3 agosto 2018 si è provveduto ad adeguare l’elenco dei beni immateriali (allegato 6/B) in relazione ai quali può essere riconosciuta la misura massima del contributo.

Per maggiori chiarimenti circa le caratteristiche tecniche e la riconducibilità dei beni per i quali si intende fruire del beneficio a quelli elencati negli allegati sopra citati, si invita a prendere visione delle linee guida tecniche contenute nella parte terza della Circolare Mise – Agenzia delle Entrate del 30 marzo 2017, n. 4/E

Esclusivamente in merito alla riconducibilità dei beni fra quelli elencati negli allegati sopra citati è possibile acquisire autonomamente il parere tecnico da parte del Ministero dello Sviluppo Economico. SCOPRI DI PIU'

SCEGLI SOLUZIONI EDP COME PARTNER PER COSTRUIRE UN PROGETTO FINANZIABILE DI TRASFORMAZIONE DIGITALE

thumb_riunione-copertina_002_1548861051.jpg

Contattaci per costruire insieme un progetto finanziabile di trasformazione digitale, dall'infrastruttura alle soluzioni software più innovative in grado di portare la vostra azienda nel futuro!

COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE TI RICONTATTEREMO PER VALUTARE INSIEME IL MIGLIOR PROGETTO!

Richiedi Informazioni

Sei interessato a questo prodotto? Compila il seguente form:
Oggetto della richiesta
Richiedi informazioni su: Nuova Sabatini: riapre lo sportello per il sostegno al credito PMI

A tutela della tua privacy, secondo quanto stabilito dal Regolamento (UE) 2016/679 ed in adempimento alle disposizioni del D.Lgs. 196/2003, Soluzioni EDP® S.r.l. ti garantisce che i dati personali raccolti in questo form verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alle richieste di informazioni indicate nel campo 'messaggio' o 'oggetto della richiesta' del seguente modulo.
Dati Personali raccolti: cognome, email, nome, numero di telefono e ragione sociale.
I tuoi dati non verranno in alcun modo ceduti a terzi per finalità di marketing slegate dalle attività di Soluzioni Edp.

Per comunicare con te potremmo, per l'invio di email, avvalerci della piattaforma Mailup che, attraverso sistemi di tracciamento statistico, consente di rilevare l'apertura di un messaggio, i click effettuati sui collegamenti ipertestuali contenuti all'interno dell'email, da quale indirizzo IP o con quale tipo di browser viene aperta l'email, e altri dettagli simili. La raccolta di tali dati è funzionale all'utilizzo della piattaforma e costituisce parte integrante delle funzionalità del sistema di invio dei messaggi.

I tuoi dati verranno conservati per il tempo strettamente necessario ad adempiere alla richiesta contenuta nel form.
I tuoi dati saranno conservati per tutto il tempo necessario all'adempimento della richiesta in territorio Europeo e protetti secondo il Regolamento (UE) 2016/679.
I tuoi dati saranno protetti con tutti i migliori ed attuali sistemi di protezione.

Soluzioni EDP® S.r.l. adotta le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
I tuoi dati saranno trattati presso la sede operativa di Soluzioni EDP® S.r.l. in Viale Garibaldi, 51 Vercelli (Italia). Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate.
Tu hai il diritto, in qualunque momento, di chiedere la modifica o la cancellazione totale (diritto all'oblio) dei tuoi dati personali in possesso di Soluzioni EDP® S.r.l.: basta una mail a privacy@soluzioniedp.it o contattandoci in altro modo.
Per conoscere nel dettaglio le politiche di privacy e di protezione dei dati personali degli utenti del sito, fermo restando quanto sopra scritto, puoi cliccare qui